BPCO e classificazione GOLD

Copertina - BPCO e classificazione GOLD

di Emanuele Crosti

La BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, in inglese COPD), una delle più importanti patologie croniche del sistema respiratorio, è da anni oggetto di studio e di campagne di sensibilizzazione.
Il programma GOLD (Global initiative for chronic Obstructive Lung Disease –  Progetto Mondiale Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) è un programma a livello mondiale, creato dall’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) e dall’Istituto Nazionale Statunitense per le Malattie Cardiologiche, Polmonari ed Ematologiche (NHLBI) nel 2001 per offrire un quadro di trattamento aggiornato della BPCO con pubblicazioni scientifiche e linee guide e per aiutare le nazioni ad adattare il programma ai sistemi sanitari dei singoli paesi.
Nel quadro di questo progetto generale e per rafforzare la consapevolezza sullo stadio della malattia, è stata creata una classificazione di gravità pneumologica – la classificazione GOLD – ormai accreditata e universalmente accettata a cui professionisti e pazienti possono fare riferimento.
Viene qui presentata la tabella “da manuale” che dovrà poi essere adattata e spiegata dallo specialista al singolo paziente che si troverà davanti:

BPCO e classificazione GOLD - tabella

 

Con la spirometria (vedi l’articolo Spirometria un soffio di sollievo), vengono analizzati diversi parametri fra cui:

  1. FEV1: in inglese Forced Expiratory Volume 1st second, indicata anche come “funzionalità respiratoria” è il volume massimo espiratorio misurato nel primo secondo durante la misurazione della FVC;
  2. FVC: in inglese Forced Vital Capacity, la “capacità vitale forzata” è il volume espirato totale facendo compiere un’inspirazione forzata, quindi un’espirazione forzata seguita da una nuova inspirazione forzata.

Questa specifica manovra è sforzo-dipendente e richiede una buona collaborazione da parte dell’esecutore. Al fine di ridurre i margini di errore vengono considerati validi i valori migliori di tre prove accettabili consecutive.

 

Diamo spiegazione di altri termini specifici presenti nella tabella:

  1. riabilitazione (respiratoria): sono esercizi specifici per ridurre e controllare i sintomi respiratori e in generale migliorare la qualità della vita, vedi l’articolo Presentazione della Riabilitazione Respiratoria con esercizi;
  2. ossigenoterapia: si intende la somministrazione di ossigeno come parte integrante di un trattamento medico nei casi di insufficienza respiratoria acuta o cronica;
  3. NIV (Non-Invasive Ventilation): Ventilazione meccanica non invasiva, si intende una metodica che permette di fornire al paziente un supporto ventilatorio parziale o totale, senza ricorrere a interventi più invasivi, impiegando maschere o caschi.
  4. ipercapnia: si intende una concentrazione di anidride carbonica nel sangue in misura superiore alla norma;
  5. scompenso cardiaco destro: l’aumento della pressione arteriosa polmonare, provoca un sovraccarico di lavoro del ventricolo destro che si dilata, una condizione cronica che compromette la funzionalità cardiaca.

Ribadiamo che la tabella della classificazione GOLD ha un valore orientativo e deve essere declinata dallo specialista in un momento di confronto con il paziente per evitare ansie immotivate o sottostima della malattia.